Paolo Beretti è estremamente soddisfatto dell’annata della sua Reggiana Under 17, ma è consapevole, anche, che il bello viene ora. Una trasferta impegnativa e importante a Lecce apre le fasi eliminatorie del suo campionato

«Che stagione è stata? – dichiara il mister granata – Estremamente bella. Ai limiti del sorprendente. I ragazzi sono insieme da due anni ormai e quindi si può dire che il gruppo era consolidato, ma va detto che il club è stato molto bravo nel puntellarlo con alcuni nuovi arrivi che hanno dato qualità alla squadra».

Molte le soddisfazioni e poche le difficoltà in effetti: «Diciamo che l’unica è stata quella, almeno inizialmente di amalgamare i nuovi con i vecchi ragazzi – analizza mister Beretti – ma in quel frangente sono stati fantastici i miei collaboratori, da Beppe Alessi, a Manuel Morabito e Luca Malaguti, nel far sì che la transizione fosse il più efficace possibile. Le note positive? Tante. Tantissime. A mio avviso, soprattutto la crescita generalizzata dei ragazzi dal punto di vista tecnico e caratteriale».

Infine, una battuta su quelli che sono gli obiettivi di questo che è il momento chiave di tutta la stagione: «L’obiettivo? Fare il meglio possibile presentando sul campo tutto il nostro potenziale senza perdere mai di vista una caratteristica: vogliamo goderci il momento senza fughe in avanti. Il Lecce? Lo conosciamo, ma la verità è che giunti a questo punto tutti conoscono tutti. Vediamo…».